Quando la pelle perde l’elasticità


La8 – Ogni mattina

«Perché la pelle a un certo punto perde di elasticità?»

«Quello che viene a mancare sono il collagene e l’elastina, che sono due elementi fondamentali che creano proprio una struttura, l’impalcatura della nostra pelle; questo succede principalmente a causa del cronoinvecchiamento, quindi dell’età, ma anche dei fattori ambientali e genetici, quindi il sole, piuttosto che una predisposizione ad avere un certo tipo di cedimento o meno. Qua abbiamo una grafica in cui si mostrano le varie aree del viso che sono soggette proprio a questa lassità. Solitamente i primi segni di cedimento si vedono dove c’è scritto “terzo inferiore”, quindi in quella zona è dove questa sorta di triangolo va un po’ a perdersi e si forma un triangolo con la base rivolta verso il basso, quindi si deve ritriangolarizzare il volto. Poi cede anche il collo, iniziano ovviamente a cedere anche le rughe del décolleté quindi ad andare verso il centro, così come il sopracciglio tende ad andare un pochettino verso il basso, sia la testa che la coda del sopracciglio. »

«Quali sono allora queste tecniche che sono in grado di sostituire il bisturi e che quindi sono in grado di sostituire un intervento chirurgico complesso?»

«Dunque, diciamo che sono indicazioni diverse, quindi non è che ad oggi possiamo permetterci di sostituire, anche perché molto spesso bisogna valutare la vera indicazione a questi trattamenti, quindi c’è un discorso di età, c’è un discorso di quanta lassità è presente, quindi non sempre sostituiscono al 100% l’intervento. Ad ogni modo io oggi ti parlerò di due tecnologie: la prima è una tecnologia che sfrutta una radiofrequenza molto particolare e potente. Ecco, è questa che vediamo qua: stiamo applicando il disegno sul paziente, poi passeremo questo manipolo che a livello cutaneo viene raffreddato da un ghiaccio spray, mentre il calore riesce a raggiungere una profondità tale da far bastare un solo trattamento, in grado di dare un risultato a livello di lifting, sia di tutto il viso che anche del collo.»

«Quanto durano questi risultati?»

«Mediamente si parla di, all’incirca, due anni/due anni e mezzo massimo. Tieni conto che poi il risultato si divide in due tipi di risultato: quello immediato dovuto alla contrazione delle fibre di collagene, che quindi questo calore che sviluppa la radiofrequenza, esercita; ma anche un risultato dovuto al collagene che si va a creare grazie alla collagenasi che si stimola con il calore a livello del fibroblasto.»

«E questo funziona solo sul viso oppure può migliorare anche l’elasticità della pelle del corpo?»

«Funziona anche sul corpo, infatti dovrebbe esserci un video in cui lo eseguiamo su un addome: come vedete cambia la punta perché utilizzeremo una punta più grande; in questo caso sto trattando una paziente con una lassità dell’addome; comunque il principio di funzionamento è lo stesso. Questo è un trattamento che ha fatto la storia del trattamento non invasivo della lassità, ormai giunto alla quarta generazione; quindi si parla di studi clinici, approvazione FDA: è veramente un trattamento molto sicuro.»

«Io mi metto nei panni di chi ci sta seguendo e qualcuno non crederà ai risultati finché non vedra1 un prima e un dopo.»

«Qui abbiamo il lifting del sopracciglio: come vedi è una paziente giovane, quindi viene utilizzato anche per zone molto piccole e si raggiunge anche un risultato un pochettino più naturale.»

«Quindi mantenendo sempre tutti i movimenti e l’elasticità.»

«Assolutamente sì. Non si va a toccare nulla a livello del muscolo, qua si agisce solo sulla sintesi di nuovo collagene. Questo che stiamo vedendo e1 un sottomento: in questo caso siamo riusciti ad ottenere una distruzione del grasso a livello del sottomento e quindi il risultato è stato sia una riduzione del tessuto adiposo e anche una retrazione. Questo risultato e1 stato ottenuto con una sola seduta; questa è una paziente venuta dall’Austria che io ho rivisto solo dopo 30 giorni, dunque è un risultato che abbiamo tenuto a distanza di 30 giorni dal trattamento.»

«Sembra quasi un effetto Photoshop, è un risultato meraviglioso.»

«Questo è un trattamento con ultrasuoni di cui ti parlerò fra poco, sia del sottometto che del terzo medio, quindi come vedi è stato trattato tutto il cedimento di questa zona e il sottomento si è retratto.
Anche questa che stiamo vedendo è una tecnica ad ultrasuoni, mentre l’altra tecnica consiste in ultrasuoni microfocalizzati, chiamati HIFU, e ce ne sono tantissimi così, anche se poi l’unico riconosciuto è un tipo di HIFU di cui non farò il nome per motivi commerciali, ma è un HIFU dotato di un ecografo approvato FDA che ci permette di sparare dei colpi di calore molto precisi che agiscono solo al livello di profondità che scegliamo noi e che quindi non danneggiano la pelle e altri tessuti (tant’è che viene chiamato lifting della pausa pranzo, perché la paziente torna immediatamente alla sua vita sociale senza alcun rossore e senza nulla). Questo calore molto forte fa quello che faceva prima la radiofrequenza, quindi contrae il collagene e stimola il fibroblasto a produrne di nuovo. Sono due tecnologie diverse che poi alla fine fanno sostanzialmente la stessa cosa. Ci sono dei criteri di selezione su una e sull’altra che poi vedremo.»

«E anche questo è un collo un prima e da terzo medio. Quindi quelle le rughe ammassate piegate chiedete a regolano inevitabilmente. Quindi si può intervenire quindi anche sul collo collo.»

«Questo è un prima e un dopo di collo e mento, e possiamo vedere queste rughe che con il passare degli anni arrivano inevitabilmente.»

«Si può intervenire anche su collo e décolleté e questo che vediamo è di nuovo un midface, quindi terzo inferiore; il cedimento è proprio a livello della linea mandibolare e del sottomento.»

«I tempi di recupero ci sono? Esistono?»

«Non ci sono tempi di recupero; infatti prima si è parlato di questo termine di lifting della “pausa pranzo” proprio perché la paziente segue questo trattamento che dura all’incirca un’ora/un’ora e mezzo e poi da subito potrebbe sviluppare un leggerissimo rossore ma credimi è proprio qualcosa di impercettibile, da subito si torna alla vita di tutti i giorni senza doversi limitare su nulla.»

«Quindi essendo impercettibile un po’ di fondotinta coprirebbe anche quelle eventuale rossore. Quindi si evitano gonfiori e anche anestesia totale.»

«Certo, chiaramente bisogna avere delle pazienti che siano candidabili, quindi dev’essere giusta l’età, molto spesso non possiamo superare i 63, 64 e 65 anni, non può essere una lassità severa; insomma, in qualche modo ci sono delle restrizioni all’applicazione di questa tecnica, però qualora l’indicazione fosse quella corretta è veramente una soluzione straordinaria.»

Altri video interessanti