Thermage – Lifting non chirurgico viso e corpo


Rai2 – Detto fatto


«Bentornati! Ormai quando qui a Detto Fatto parliamo di metodi non invasivi per rimodellare il corpo appare lui: il medico estetico Marco Bartolucci.»

«Ciao Caterina.»

«Ciao, buon pomeriggio Marco e salutiamo la signora Elisabetta.»

«Buonasera a tutti.»

«Oggi è 30 Maggio, l’estate è alle porte, quello che abbiamo fatto con la palestra ormai lo abbiamo fatto e la stessa cosa vale per l’alimentazione; ma per dei metodi invasivi c’è sempre tempo?»

«C’è ancora del tempo, anche se poco.»

«Allora Elisabetta, perché hai voluto palare con il dottore?»

«Io ho voluto parlare con il dottore perché quando ero giovane a casa mia facevo tanto sport però poi una sera, salutando le amiche, mi sono accorta del cedimento della pelle delle mie braccia.»

«Sì Caterina, è un problema molto comune. Prego si alzi pure, così lo vediamo bene. Il rilassamento cutaneo di questa zona è, ahimè, un problema molto comune.»

«Quindi il tutorial è: lassità cutanea. »

«Esatto, lassità cutanea, cioè il rilassamento cutaneo che possiamo notare essere tutto questo cedimento; vediamo anche un pochettino di grasso, quindi non è solo lassità cutanea, però in questo caso noi possiamo agire proprio sul rilassamento cutaneo. Il collagene, che a un certo punto cede, non fa più il suo lavoro, e ci provoca proprio questo effetto diciamo non molto carino. Lo tratteremo con una radiofrequenza.»

«Dottore, la lassità cutanea possiamo anche trattarla con una radiofrequenza, però da così non sarà mai così, bisogna essere chiari.»

«Assolutamente sì, sai che sono sempre chiarissimo. Per togliere tutta questa parte bisognerebbe intervenire chirurgicamente e asportare anche parte del grasso; dal momento che la paziente non voleva sottoporsi a interventi invasivi possiamo proporle questa valida alternativa, che ovviamente non può in nessun modo sostituire il lifting chirurgico.»

«Bè, Elisabetta, hai una silhouette da ballerina.»

«Grazie, infatti come palestra vado a fare il tango argentino.»

«E con chi balli?»

«Bè, con chi mi invita.»

«Però il tango non aiuta a togliere questa lassità cutanea.»

«Purtroppo no, non basta, anzi, tenendo il braccio alzato l’inestetismo si vede ancora di più.»

«Sdraiati sul lettino Elisabetta, vediamo cosa possiamo fare, perché il dottore ha portato un macchinario: cos’è?»

«Ho portato una radiofrequenza molto particolare, perché ci permette, impostando dei parametri che adesso vediamo qua nello schermo, che sono il livello di trattamento e il tempo di trattamento in base all’area che andiamo a trattare, di andare a riscaldare uniformemente la cute della paziente per arrivare proprio al derma, che è dove risiede il collagene che in questo caso non fa più il suo lavoro.»

«Di dove sei tu dottore?»

«Io sono umbro, di Terni. Dicevo che andiamo a passare questo manipolo vibrante che aiuta a sopportare il leggero fastidio che viene provocato dal calore e lo passiamo su tutta la zona da trattare, che in questo caso è il braccio, con dei passaggi che andranno a sovrapporsi per un 10% circa. Andremo a trattare tutto il braccio: sono circa 1200 colpi, quindi 600 colpi per braccio.»

«So che hai portato una grafica per mostrare come funziona la radiofrequenza. Vediamola.»

«Sì, vediamo che c’è un getto raffreddante, che è un ghiaccio spray per alleviare la sensazione di calore che si produce a contatto con la cute; poi vediamo un campo elettrico di 2,5 mm che può arrivare fino a 4, che andrà nel derma a rompere le fibre collagene, che poi vengono rigenerate tramite un processo chiamato collagenesi, e quindi le nuove fibre collagene andranno a fare proprio un lifting della zona trattata.»

«Noi questa radiofrequenza l’abbiamo fatta sul braccio di Elisabetta, ma si può fare in tutto il corpo?»

«Certo, può essere fatta anche sul viso, sulla pancia, nell’interno coscia, nel décolleté… Insomma dove c’è rilassamento cutaneo.»

«È indicata a chi ha un buono stato di salute fra i 35 e i 60 anni, non di più?»

«No Caterina, perché poi si perde la capacità di rigenerare collagene, quindi rischiamo di andare a distruggere una fibra e poi di non avere la conseguente riparazione, dunque rischiamo di non avere alcun risultato.»

«Poi si possono trattare rughe superficiali o profonde del viso e la lassità cutanea a livello dell’addome, delle braccia e delle cosce. Quanto costa questo macchinario?»

«È un po’ costoso, siamo sui 70.000 euro.»

«Elisabetta, mi hanno detto che tu vieni dalla Transilvania, raccontami un po’.»

«Sono di madrelingua ungherese nata in Transilvania; alcune amiche mi chiamano “la vampirella”.»

«Senti vampirella, stiamo vedendo una foto di te: me la descrivi?»

«In questa foto ho 20 anni ed è di quando facevo alpinismo in Transilvania.»

«Marco, quindi spara 1200 colpi.»

«Esatto, ciò significa che noi per 1200 volte facciamo questo tipo di movimento, 600 volte a braccio.»

«Ma quante volte dobbiamo farlo?»

«Il trattamento consiste in una sola seduta da circa un’ora; non fa miracoli però migliora di molto la lassità cutanea ed eventualmente, in alcuni pazienti, si fa un nuovo passaggio dopo 6 mesi; però questo succede in circa il 10% dei pazienti, solitamente ci si ferma alla prima seduta.»

«Ho capito. Hai portato dei prima e dei dopo? Perché Elisabetta, qualora tu volessi andare dal dottore lui un po’ di sconto te lo farebbe.»

«Ho portato dei prima e dei dopo: qua abbiamo trattato la zona delle culotte e del gluteo, perché migliora anche l’aspetto della cellulite andando proprio a dare turgore al tessuto, quindi alla cute.
In questo caso abbiamo queste rughettine fastidiosissime sulle ginocchia: come vedi il il miglioramento non è così eclatante ma è sicuramente qualcosa di apprezzabile, nonostante rimanga un po’ di lassità anche a causa della forza di gravità che non aiuta.
Qui abbiamo un altro caso di cellulite.»

«Però Marco qui la paziente è anche dimagrita, com’è possibile?»

«Caterina ovviamente abbinati ai miei trattamenti sono obbligatorie una sana alimentazione e attività fisica, altrimenti questi trattamenti non funzionano al 100%.»

«Ok, andiamo avanti.»

«Qua invece vediamo il trattamento di un volto: abbiamo trattato il terzo medio, che sarebbe la zona delle guance, il sottomento, e abbiamo fatto il lifting del sopracciglio; la foto del post si vede male perché ci sono i capelli che coprono ma si vede proprio che l’occhio ha l’aspetto più fresco e liftato.»

«Ma che bella questa radiofrequenza! Facciamo una colletta per comprare il macchinario. Andiamo avanti.»

«Qui ci siamo concentrati nel terzo medio, quindi nella zona della ruga della marionetta e vediamo che c’è stato un miglioramento discreto.
Questo è un trattamento addominale su una paziente molto giovane.»

«Vabbè però qui c’è qualcosa di più.»

«Non c’è niente Caterina, è solo radiofrequenza; la paziente se non ricordo male ha 34 anni e ovviamente ha risposto con una produzione di collagene buona.»

«Ma come mai quella pancia a quell’età?»

«C’è anche la genetica coinvolta nella lassità cutanea, non è sempre un discorso di età, ma può incidere anche una gravidanza, solo che in questo caso la causa era un fattore genetico.»

«Io quando vedo queste foto capisco che la mia lassità cutanea è anche ciccia.»

«Qui non ce n’è di ciccia, anzi, questa è una paziente molto tonica, infatti le si vedono anche gli addominali; sono proprio due problemi diversi e infatti li gestiamo con procedure diverse.»

«Devo fare la domanda clou: dottore, questi 1200 colpi quanto ci costano?»

«Poco meno di un euro a colpo, arriviamo a un massimo di 1000 euro Caterina: partiamo dai 600 per le zone più piccoline e arriviamo a un massimo di 1000 euro.»

«Noi pensiamo che sia tanto, ma pensiamo anche alla chirurgia plastica quanto costa, visto che è un intervento eseguito proprio in sala operatoria e c’è una procedura più complessa. Però è tanto.»

«È tanto Caterina, ma anche in questa macchina abbiamo un costo di consumabile molto elevato; bisogna sempre pensare anche al disagio psicologico che questi inestetismi provocano alla paziente, quindi diciamo che è una spesa alta ma se c’è una buona motivazione si affronta in maniera tranquilla.»

«1000 euro e poi non ci vediamo più?»

«Ci vediamo a distanza di 3 anni perché ovviamente il trattamento non dura tutta la vita.»

«La vampira è rimasta con il braccio sù intanto.»

«Eh, la vampira sta pensando che deve sbrigarsi ad andare dal dottore.»

«Ora o mai più, te lo dico. Grazie dottor Bartolucci e grazie Elisabetta.»


Il Thermage in breve

Con il passare del tempo, la quantità di collagene presente nel derma e la sua capacità di produrne di nuovo si riduce. Ciò crea segni di rilassamento e lassità della cute, rughe, prima superficiali e poi sempre più profonde.

Il Thermage è un apparato, approvato Food and Drugs Administration, che distende cute e tessuti con la radiofrequenza.

Il dispositivo con cui si effettua il trattamento è munito di una sofisticata punta che rilascia una quantità controllata di energia.L’energia, sotto forma di calore, scalda uniformemente il tessuto degli strati più profondi, proteggendo contemporaneamente la cute mediante un sistema di raffreddamento. Diversamente dalle altre radiofrequenze si esegue in un’ unica seduta, perché rilascia energia controllata tra i 58° e 63°.

I risultati sono visibili dal 2° mese e stabili dai 3 ai 5 anni. È controindicato in caso di grave cardiopatia, diabete, gravidanza, malattie autoimmuni, coagulopatia e sclerodermia.
Questo sistema vanta un eccellente record di sicurezza con oltre 6.000.000 di trattamenti effettuati in tutto il mondo.

Altri video interessanti