Rinofiller


Rai2 – Detto Fatto

È tornato lui, Marco Bartolucci, che con solo il suo sguardo toglie tutta la cellulite!»

«Bianca eccoci. Come stai? Che piacere rivederti.»

«Benvenuto al nostro amico Giuseppe, grazie per essere qui con noi a Detto Fatto. Allora Marco, oggi parliamo di un argomento molto interessante: la chirurgia estetica non usa sempre tecniche invasive, infatti oggi parliamo proprio di medicina estetica non invasiva, per la precisione parliamo di rinofiller

«Esatto, è un qualcosa che, con un trattamento ambulatoriale molto veloce, quasi indolore e senza costi biologici, riesce a fare qualcosa di molto bello, che è quello di sistemare i piccoli difetti del naso.»

«Io di solito il filler l’ho sentito nominare per quello che riguarda le rughette sul viso ma non per il naso.»

«Certo, ci sono diversi tipi di filler che possono gestire diversi tipi di problemi.»

«Quali sono i tre punti che si vanno a modificare?»

«I tre punti sono: eliminare le lievi gibbosità, quindi la gobbettina, la radice del naso; riusciamo a correggere degli schiacciamenti, dei vuoti, il cosiddetto “naso a sella”, quindi andando a iniettare una sostanza ai lati del naso e riusciamo anche a tirare la punta in sù, a proiettarla verso l’alto.»

«Quindi una volta che tu hai fatto queste punturine riesci a rimodellare la forma del naso.»

«Il filler per natura andrà a creare volume e quindi modifica l’estetica del naso.»

«Oggi ti sei fatto accompagnare da Giuseppe, che so che conosci molto bene. Puoi parlarci di ciò che hai fatto su Giuseppe? Devo dire che ora il naso è perfetto, è drittissimo, quindi non sembrerebbe soltanto un effetto filler.»

«Su Giuseppe ho fatto un rinofiller; ha deciso di rivolgersi a me perché aveva una gobbettina e la punta del naso proiettata verso il basso.»

«Io sono curiosa di vedere com’era prima Giuseppe. Vediamolo.»

«In questo caso dov’è stato applicato il filler?»

«Lo abbiamo applicato nella radice del naso e ho portato anche un video per mostrartelo. Vediamolo.»

“Faccio una prima iniezione di acido ialuronico a livello di questa lieve gibbosità, sto iniettando a livello della radice del naso un filler volumizzante; adesso proseguo con il massaggio affinché il gel di acido ialuronico si disponga in maniera corretta. Adesso per andare a proiettare la punta all’insù procedo con la seconda iniezione; devo poi massaggiare bene anche in questa zona e il rinofiller finisce qua.”

«Giuseppe, è stato doloroso?»

«Assolutamente no, anzi; lo consiglio a chi ha problemi estetici e non funzionali.»

«Quanto dura l’effetto di questo rinofiller? Dipende dal prodotto che inseriamo, solitamente in un rinofiller viene messo un acido ialuronico volumizzante, quindi molto forte, che può durare anche fino a un anno e mezzo; come diceva Giuseppe il dolore è leggero e posso anche mostrarti l’ago con cui noi procediamo per fare il rinofiller: come vedi è piccolissimo, non so neanche se si riesce a vedere in camera.»

«Certo, infatti sembra quasi trasparente e questo invece è il gel che andiamo a inserire, che quando va all’intero di una struttura anatomica va proprio a creare volume ed è completamente riassorbibile.»

«Allora diciamo che non è corretto paragonare un intervento di rinofiller a un intervento di rinoplastica.»

«Assolutamente no, perché con la rinoplastica riusciamo a correggere anche i difetti funzionali, invece con il rinofiller si correggono i piccoli difetti estetici che si riescono a gestire senza entrare in sala operatoria.»

«E per esempio quali altre parti possono essere trattate con il filler?»

«Ho portato anche qua una grafica che può aiutarci: vediamo le rughe glabellari che solitamente vengono trattate sia con il botox che con un filler molto leggero; possiamo volumizzare la zona degli zigomi per andare a dare volume; le rughe del viso generali, quali appunto la piega nasolabiale e le rughe della marionetta, ma possiamo anche aumentare il volume delle labbra e trattare le rughe periorali. Ovviamente ogni zona ha il suo tipo di filler, quindi più o meno volumizzante, che dura più o meno tempo.»

«Marco però c’è qualcosa che veramente non invecchia mai e sto parlando del Prix Italia, che questo’anno compie ben 70 anni, pensate; è una competizione internazionale per prodotti radiofonici, televisivi e online organizzati dalla RAI, di cui siamo molto orgogliosi e che quest’anno si terrà a Capri, a cominciare da oggi, 25 Settembre, fino al 29; il tema scelto per quest’anno è la responsabilità, ci saranno tante anticipazioni, tante anteprime e soprattutto il concerto del grande Massimo Ranieri, quindi buon compleanno Prix Italia! Intanto io vorrei ringraziare il nostro Giuseppe per aver portato la sua testimonianza qui a Detto Fatto; vorrei anche fare un comparativo del prima e del dopo di Giuseppe per vedere come si è intervenuti.
Devo dire un bel risultato, evitando anche un intervento invasivo.»

«Sì, ci ho messo 40 secondi per fare questa procedura.»

«Incredibile, complimenti davvero Marco.»

«Grazie Bianca.»

«Ma io passerei al prezzo di questo intervento.»

«Per una procedura del genere il prezzo è di 350 euro e dura circa un anno/un anno e mezzo.»

«Devo dire che mi sembra un prezzo abbastanza accessibile per quello che è il risultato. Adesso vi voglio presentare una nuova rubrica e tu Marco sai già di cosa sto parlando: noi riceviamo valanghe di mail a volte anche difficili da smaltire, indirizzate proprio a te, e oggi, appunto, inauguriamo la nuova rubrica “Ti risponde Bartolucci”. Darei il via alla sigla.
Allora dottore, leggo la prima mail che ci scrive Eleonora: “Ho 24 anni e il mio problema sono le mie smagliature, che purtroppo porto con me da quando avevo 12 anni; mi vergogno anche ad andare in piscina con i miei amici; volevo chiedere al Dottor Bartolucci se fosse possibile risolvere questo problema.»

«Assolutamente sì. Le smagliature sono uno di quei problemi che possiamo trattare.»

«Vediamo insieme le foto di Eleonora.»

«In questo caso sono smagliature bianche che porta dietro da tanto tempo. Sarebbe meglio trattarle in uno stato iniziale, quindi quando sono ancora rosse, ma sicuramente possiamo ottenere un risultato anche su questo tipo di smagliature.»

«Ho sentito dire che le smagliature sono veramente difficile da trattare. Cosa si può fare nello specifico?»

«Sicuramente è uno degli inestetismi più difficili da trattare, soprattutto questo tipo di smagliature, però possiamo fare il laser frazionato non ablativo, che andrà con circa 6-7 sedute a migliorare l’aspetto di queste smagliature.»

«Eleonora se ci stai ascoltando ti invitiamo qui a Milano nei nostri studi.»

«Esatto e sarei anche felice di offrirti la prima seduta Eleonora.»

«Ecco bene, così vai anche a trovare Marco nel suo ambulatorio. Grazie Marco come sempre per i tuoi preziosissimi consigli, mentre voi telespettatori se volete scrivere al nostro Dottore potete farlo all’indirizzo dettofatto@rai.it, mandandoci le vostre foto, i vostri problemi estetici, in modo tale che il nostro Dottor Bartolucci possa intervenire al meglio. Grazie.»

Altri video interessanti